CONSIGLI PER UNA POLENTA FACILE E PERFETTA

VI PIACE LA POLENTA MA VI SPAVENTANO TEMPI DI COTTURA E CONTINUO MESCOLARE? 

NESSUN PROBLEMA, ECCO ALCUNI TRUCCHI PER UNA PREPARARE UNA POLENTA FACILE E PERFETTA

La polenta è un piatto semplice e povero, tipico della cucina del nord Italia, che nasce dall’unione di farina di mais, acqua e sale e si sposa con le più svariate salse, carni, formaggi o addirittura marmellate. Proprio per la semplicità degli ingredienti è bene scegliere una farina di mais di qualità, gustosa e corposa per assaporare al meglio questa ricetta tradizionale. 

La nostra FARINA DI MAIS è costituita da una miscela di varietà antiche come Ottofile, Pignulet, Dente del Lupo e per questo il suo gusto risulta non troppo amaro e non troppo dolce ma equilibrato  (per maggiori informazioni leggi l’articolo sul Mais nella sezione Materie Prime)

Noi piemontesi ne siamo ghiotti e, che sia inverno o che sia estate, un bel piatto di polenta si mangia sempre volentieri! Ciò che spaventa, però, è il TEMPO DI COTTURA: essendo macinata a pietra, perciò integrale, e non precotta, il tempo indicato è di 70 minuti e dobbiamo rispettare queste indicazioni per ottenere un buon risultato ma..

DOBBIAMO SFATARE UN MITO: NON E’ ASSOLUTAMENTE NECESSARIO MESCOLARE CONTINUAMENTE PER 70 MINUTI!

Esistono in commercio delle pentole con un meccanismo incorporato che mescola ma non è il caso di acquistarle perchè basta seguire alcuni semplici trucchi per realizzare una polenta “zero sbattimento”.

 

AVRETE BISOGNO DI:

  • PENTOLA CON FONDO SPESSO E COPERCHIO/ PAIOLO DI RAME (come da tradizione)
  • FRUSTA
  • CANOVACCIO DA CUCINA
  • SPARGIFIAMMA 

DOSE PER 4- 5 PERSONE:

(con questa proporzione otterrete una polenta cremosa, se la preferite più compatta sarà sufficiente diminuire la dose di acqua)

 

SEGUITE LE ISTRUZIONI DI SEGUITO:

  1. Mettere sul fornello grande la PENTOLA CON FONDO SPESSO e PARETI ALTE e versarvi prima l’olio, poi l’ acqua e infine il sale.
  2. PORTARE QUASI A EBOLLIZIONE, attenzione non deve bollire, QUANDO INIZIANO A VEDERSI DELLE BOLLICINE SUL FONDO DELLA PENTOLA E’ IL MOMENTO DI VERSARE A PIOGGIA LA FARINA MESCOLANDO BENE CON UNA FRUSTA PER ALCUNI MINUTI (3-5 min. finchè la polenta non assorbe bene l’acqua e si asciuga leggermente)
  3. POSIZIONARE LO SPARGIFIAMMA SUL FORNELLO PICCOLO (questo è utile per distribuire la fiamma uniformemente, accendere il fuoco  e spostarvi la nostra pentola.
  4. ABBASSARE AL MINIMO IL FUOCO 
  5. Prendere UN CANOVACCIO da cucina e posizionarlo A CONTATTO CON LA POLENTA, CON I LEMBI CHE FUORIESCONO DALLA PENTOLA  (questo passaggio è fondamentale per non dover mescolare la polenta in continuazione; il canovaccio crea una sorta di “cottura al vapore” e impedisce alla polenta di aderire al fondo della pentola)
  6. COPRIRE CON IL COPERCHIO
  7. LASCIARE CUOCERE PER ALMENO 70 MINUTI SENZA MESCOLARE.
  8. Trascorso il tempo necessario, spegnere il fuoco, rimuovere il canovaccio e mescolare con un cucchiaio di legno.

 

La polenta è pronta: ora resta a voi scegliere come condirla a seconda delle vostre preferenze.

I grandi classici sono spezzatino e salsiccia, con i formaggi, con crema di funghi o POLENTA CON SALSA AI PORRI (trovate la ricetta sul blog!), con i peperoni.. potete creare il condimento perfetto per voi che più si adegua alla vostra DIETA. Il mais viene molito in una coppia di macine dedicate e perciò, oltre a non contenere glutine, non viene a contatto con altri cereali quindi perfetto per chi ha intolleranza al glutine e al frumento; abbinato ai formaggi si presta per una dieta vegetariana e accoppiato a verdure o marmellata è perfetta per una dieta vegana o golosa. Vi consiglio di provarla con la famosa crema di nocciole, una vera ghiottoneria.

Se volete qualche spunto per condire la vostra polenta ecco alcuni link utili:

Sughi perfetti da abbinare alla polenta 

Idee per polenta vegetariana e vegan

 

Ora non vi resta che prendervi un pochino di tempo, scegliere l’abbinamento giusto e gustarvi una BUONA POLENTA!

Se avete suggerimenti su come condire la polenta saremo lieti di provare le vostre ricette e condividerle.

Ah, dimenticavo! Questa polenta è perfetta da mangiare al momento ma ottima anche il giorno dopo, quindi se ne avanza potete versarla su un tagliere o metterla in una pirofila (io uso una pentola in terracotta cosi una volta capovolta avrà una bella forma tonda), quando è ancora calda, e lasciarla poi raffreddare. Dopo di che la potete tagliare a fette e passare in padella o se preferite nel forno.

 

SUGGERIMENTO

Nonostante tutti questi consigli è possibile che sul fondo della pentola si sia creata una crosticina (questo dipende dalla tipologia della vostra pentola). Non accanitevi, lasciate la pentola per qualche ora con un po’ di acqua calda all’interno e vedrete che verrà via con molta facilità.